Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
LIFESTYLE
Il Venezia ha annunciato il suo quarto kit
2021-10-29 13:10:36
Venezia Quarto Kit KappaVenezia Quarto Kit KappaVenezia Quarto Kit Kappa
1 di 3
Il Venezia è tornato in Serie A 19 anni dopo l’ultima stagione vissuta nella massima serie. La rosa di Zanetti è anche molto interessante, ma a far parlare del club veneto fin qui sono stati gli annunci delle maglie da gara. Le prime tre jersey presentate raccontavano il legame del club con i suoi colori e la laguna. Con il quarto kit, svelato il 28 ottobre 2021, la società arancioneroverde ha deciso di celebrare la sua città, una delle più affascinanti e suggestive del mondo.

I designer di Kappa hanno incorniciato il kit con dei dettagli molto ricercati: maniche nere con rifiniture oro-rosso, un colletto nero-oro, il logo del brand e il crest della squadra in versione dorata, appena sopra la scritta “Venezia” che campeggia al centro di tutte le maglie di quest’anno. I colori rosso veneziano e oro sono un omaggio alla bandiera Contarina, il vessillo della Serenissima Repubblica di Venezia che ancora oggi è spesso esposto lungo le vie e i canali del capoluogo veneto.

Una celebrazione della storia e dell’arte millenaria della Serenissima suggellata dal nuovo accordo di partnership tra il Venezia e l’associazione non profit Save Venice, fondata nel 1971 da filantropi americani per preservare, proteggere e promuovere l’immenso patrimonio della città. L’associazione si è dedicata a oltre 700 progetti di salvaguardia per oltre 1700 opere custodite nei musei e nei palazzi veneziani, e ora sarà supportata anche dal club: per ogni quarta maglia venduta sul sito ufficiale, la società verserà cinque euro.

E non è il primo impegno con una nobile realtà cittadina per il club. Già per il terzo kit dei lagunari, azzurro a richiamare la Laguna, era stato disegnato in collaborazione con la ONG We are here Venice, che ha come obiettivo uno sviluppo sostenibile della città veneta, e anche in questo caso a ogni acquisto vengono donati 5 euro alla ONG.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...