Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
LIFESTYLE
Tiffany & Co. ha realizzato il calendario dell'Avvento più costoso di sempre
2021-11-05 17:29:30
Tiffany Calendario Avvento
Anche se mancano quasi due mesi a Natale, con tutta probabilità siamo già in grado di decretare il miglior calendario dell’Avvento di quest’anno. Come di consueto infatti, con l'arrivo della festività molti brand decidono di celebrare al meglio questa ricorrenza dedicando una speciale iniziativa al periodo natalizio, proponendo come in questo caso la propria versione personalizzata del calendario. Stavolta però è stato raggiunto un livello all’apparenza inarrivabile: stiamo parlando del nuovo progetto firmato Tiffany & Co. estratto dalla campagna “ABOUT LOVE” con protagonisti Jay-Z e Beyoncé.

Questo incredibile calendario dell’Avvento, le cui immagini sono state condivise ufficialmente solo qualche ora fa, è infatti da poco disponibile sul sito della boutique statunitense ed è letteralmente una vera opera d’arte. Il team creativo di Tiffany & Co. ha infatti pensato bene di realizzare un esclusivo mobiletto in legno di quercia alto poco più di un metro e ricoprire per intero la sezione frontale con un dipinto di Jean-Michel Basquiat. L’iniziativa è nata infatti in partnership con la fondazione del pittore francese, che ha permesso al brand di utilizzare il celebre dipinto “Equals Pi”.
Per concludere, il mobiletto è poi ovviamente suddiviso in 24 appositi riquadri che contengono i misteriosi “premi” da scartare giorno dopo giorno in avvicinamento a Natale.
Per il momento non sappiamo effettivamente quali oggetti facciano parte di questo speciale calendario dell’Avvento, anche se il retail price da capogiro (150 mila dollari) ci lascia intendere che i prodotti in esso contenuti siano di assoluto valore.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Tiffany & Co. (@tiffanyandco)



L’intero calendario realizzato da Tiffany & Co. per il 2021 può essere dunque acquistato online sul sito ufficiale del marchio statunitense, che comunque ha già annunciato di voler devolvere 250 mila dollari di incassi all’associazione “Free Arts” di New York City.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...