Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
LIFESTYLE
200 brand stanno lavorando a merch celebrativi per Space Jam 2
2021-05-21 17:47:59
L'evento di lancio di Space Jam 2 è talmente atteso che, per celebrare l'occasione, un numero davvero sorprendente di realtà ha voluto collaborare con la direzione creativa del film di animazione al fine di cavalcare l'onda del successo che, senza ombra di dubbio, riuscirà a riscuotere il sequel con protagonista LeBron James.

I brand chiamati in causa per la realizzazione di apposite capsule collection dedicate saranno oltre 200: numero davvero esorbitante se comparato a qualsiasi altro merch celebrativo ideato nel corso degli ultimi anni.

Oltre alle collezioni che vedranno protagonisti capi d'abbigliamento, troveremo anche i prodotti lifestyle, che andranno dagli articoli sportivi, ai libri, agli articoli per la casa, fino ai prodotti alimentari, che consentiranno ai fan di prendere parte all'attesissimo evento.

Le partnership includono marchi di fama globale come Nike, Villebrequin, Spalding, Moose Toys, General Mills e Funk, oltre alle svariate capsule collection realizzate con Uninterructed, Gap, Hot Topic e molti altri ancora.

“L'originale Space Jam si è rivelato un vero e proprio fenomeno culturale fin dal suo primo debutto nel 1996, quindi non sorprende che i principali partner di tutto il mondo siano ispirati da Space Jam 2: A New Legacy ed entusiasti di portare nuove collezioni a una nuova generazione di fan”, afferma Robert Oberschelp, Senior Vice President of Franchise Management and Marketing per Warner Bros.

Anche il designer statunitense Tommy Hilfiger, altro potenziale collaboratore, si è espresso sulla grandezza e sull'importanza del fenomeno: “Il film originale è stato il primo del suo genere in cui abbiamo visto sport, intrattenimento, musica e tecnologia unirsi in un modo così innovativo. È stato sicuramente un momento decisivo negli anni Novanta, ma ancora oggi il film è un classico di culto che piace a persone di tutte le età ", ha dichiarato in una recente intervista a WWD.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...