Supreme x Joel-Peter Witkin
STYLE

Supreme e Joel-Peter Witkin collaborano per l'uscita della nuova capsule collection

di Flavia De Maio
2020-09-22 18:33:25
Se la Week 4 della FW20 di Supreme ha visto come protagonista un’esclusiva partnership con lo stilista giapponese Yohji Yamamoto, siamo felici di annunciarvi che anche la quinta settimana non risparmia sorprese degne di nota. Il famoso brand americano ha deciso infatti di collaborare con il fotografo Joel-Peter Witkin rivelando al pubblico, sui propri canali social, una capsule collection composta da una felpa con cappuccio e due T-shirts.
 
Prima di analizzare nel dettaglio i capi, è doveroso sottolineare come lo stesso Supreme si sia concentrato, attraverso la caption degli scatti fotografici, proprio sulla curiosa storia di Witkin. L’immaginario evocativo dell’artista è infatti piuttosto macabro e allo stesso tempo sublime.
 
Visualizza questo post su Instagram

Joel-Peter Witkin/Supreme. 09/24/2020 American artist Joel-Peter Witkin is renowned for creating imagery which disrupts conventional notions of mortality, desire and spirituality. Drawing from a wide range of sources — including early photographic history and Daguerreotype techniques, religion, and painting ranging from Caravaggio and Giotto to Picasso and Balthus — Witkin develops elaborate, surreal scenes that feature people often relegated to society’s margins, as well as cadavers and dismembered limbs. Born in Brooklyn in 1939, Witkin’s dark sensibilities were formed during childhood. He witnessed a fatal car accident at a young age in which a girl was decapitated. Growing up he collected news clippings about outcasts and illnesses; as a teen in the mid-1950s, used his first camera to document Coney Island sideshow performers. In the 1960s, Witkin served as a photographer during the Vietnam War. After being honorably discharged he became the official photographer for “City Walls, NYC”; an organization that produced murals throughout the five boroughs. He studied sculpture at Cooper Union in 1974 and was granted a fellowship in poetry from Columbia University. In 1976 he moved to New Mexico, and earned a MFA in photography from the University of New Mexico in Albuquerque, where he currently lives and works. Witkin employs a variety of techniques in creating his images — piercing and scratching the negatives, and experimenting with various techniques during the printing process. By centering and eroticizing deformity and the macabre, Witkin’s transgressive images challenge the viewers’ perceptions of beauty. Witkin has said his work, "reflects the insanity of life." This fall, Supreme will release a collection featuring three of Joel-Peter Witkin’s images: Mother and Child (With Retractor, Screaming), Harvest, and Sanitarium, which inspired Alexander McQueen’s iconic “Asylum” presentation in 2001. The Supreme collection features a Hooded Sweatshirt and two T-Shirts. Available September 24th. Available in Japan September 26th.

Un post condiviso da Supreme (@supremenewyork) in data:


 
Dopo aver prestato servizio come fotografo durante la guerra del Vietnam negli anni ’60, Witkin è divenuto fotografo ufficiale di City Walls New York, un’organizzazione che ha prodotto murales in tutti e cinque i distretti. Successivamente, con il suo trasferimento in New Mexico, e il master in fotografia presso l’Università ad Albuquerque, ha sviluppato delle tecniche fotografiche alternative ed uniche nel loro genere: perforava e grattava i negativi, sperimentando ulteriormente anche nel procedimento di stampa. Attraverso la sua macchina fotografica tendeva ad immortalare scene elaborate e talvolta surreali; la maggior parte dei soggetti rappresentano arti smembrati, cadaveri e un’attenta riflessione sulle “follie della vita”, sfidando sotto tutti i punti di vista il consolidato concetto di bellezza.

Ma cosa spinge il fotografo a realizzare un’arte così impressionante e diretta? La risposta ci ricollega ad un avvenimento della sua infanzia. Ebbene, la sua particolare sensibilità deriva da un incidente stradale mortale a cui ha assistito quando era ancora bambino in cui ha visto davanti ai propri occhi l’immagine di una ragazza decapitata. È così che le sue grafiche in bianco e nero prendono vita anche in questa singolare collaborazione.

Felpa Supreme x Joel-Peter Witkin Supreme x Joel-Peter Witkin Supreme x Joel-Peter Witkin

I tre capi vengono presentati nelle tonalità del verde, rosso e nero dominati dalla presenza delle stampe grafiche che ritraggono tre fotografie di Witkin: la “Mother and Child”, “Harvest” e “Sanitarium”. La collezione sarà disponibile sul sito web ufficiale Supreme dal 24 Settembre negli Stati Uniti e dal 26 Settembre in Giappone.

Visualizza questo post su Instagram

Joel-Peter Witkin/Supreme. 09/24/2020

Un post condiviso da Supreme (@supremenewyork) in data:

Ti potrebbe interessare
Nike celebra la collaborazione con Supreme con 4 colorway di SB Dunk Low a tema
Supreme x The North Face: Scopriamo i capi “S logo" della collezione in uscita giovedì
Supreme x Nike Air Max Plus: Restock di due colorazioni in arrivo questa settimana