Dani Faiv "Scusate se Esistiamo"
STYLE

Viaggio in “Scusate se Esistiamo” di Dani Faiv

di Edoardo Costanzo
2020-05-29 11:29:30
Dani Faiv si è trasformato, di nuovo.

Il rapper si reinventa ad ogni disco, dimostrando di saper creare le tendenze senza dovere necessariamente sentire il bisogno di seguirle.

“Scusate se Esistiamo” è un po’ come “Non chiedeteci la parola” del poeta Eugenio Montale.
La tematica portante, in entrambi i casi, è sempre riferita alla figura dell'artista: da una parte il cantante, che si scusa a nome di tutti i colleghi, e dall’altra Montale, che fa le veci di tutti gli artisti, dichiarando che nessuno è in grado di fornire risposte che diano un senso logico alla nostra esistenza.

“Scusate se Esistiamo” è l’essenza intima di Dani, la ricerca e la scoperta di una sua parte nascosta, in un’era in cui il musicista viene spesso visto male dal pubblico; si tratta di una generalizzazione.
L’artista di Casa Machete giustifica la sua esistenza, perché il rap è anche una professione oltre che una passione e, come tutte, va rispettata qualsiasi siano gusti musicali dell'ascoltatore.

I featuring presenti nel disco accompagnano Dani Faiv nella rappresentazione della sua vita, facendo da perfetto contorno alla portata principale dell’album.

Logicamente, l’impronta genetica "Machetera" si sente, soprattutto nella traccia "MACHETE MOB", che vede la collaborazione degli amici/compagni Lazza, Nitro, Hell Raton e Jack the Smoker.
“Super” si dimostra invece la canzone più profonda, nella quale i pensieri di Dani prendono forma mettendosi a nudo; senza dubbio merita almeno un secondo ascolto più attento. Il contenuto c’è e si sente.

Dani Faiv può piacere oppure no, è un parere totalmente soggettivo, ma esiste ed esprime al meglio ciò che è insito nella sua persona.

Quali altri nomi avreste voluto vedere nel disco di Dani Faiv? Non dimenticate di farcelo sapere!
Ti potrebbe interessare
Da Dani Faiv a Rosa Chemical, ecco tutte le uscite della notte
Quali sono le migliori uscite musicali di questa settimana?
Quante stelle meritano le tracce di “Gemelli”, il nuovo progetto di Ernia?