Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
STYLE
La location dell'ultima sfilata di Saint Laurent a Marrakech è incredibile
2022-07-17 19:04:50
Yves Saint Laurent Spring Summer 2023 Marrakech sfilataYves Saint Laurent Spring Summer 2023 Marrakech sfilataYves Saint Laurent Spring Summer 2023 Marrakech sfilataYves Saint Laurent Spring Summer 2023 Marrakech sfilataYves Saint Laurent Spring Summer 2023 Marrakech sfilataYves Saint Laurent Spring Summer 2023 Marrakech sfilataYves Saint Laurent Spring Summer 2023 Marrakech sfilataYves Saint Laurent Spring Summer 2023 Marrakech sfilataYves Saint Laurent Spring Summer 2023 Marrakech sfilataYves Saint Laurent Spring Summer 2023 Marrakech sfilata
1 di 10
Per la sfilata menswear SS23, Anthony Vaccarello, direttore creativo di Saint Laurent, ha scelto una location situata nel deserto di Agafay, a un'ora di macchina da Marrakech, dando vita a uno show che ha richiesto anni di progettazione.

Si tratta del frutto del lavoro dell'artista e scenografa britannica Es Devlin, che ha ideato un anfiteatro a specchio, delle poltrone rosso scuro per richiamare l'architettura di Marrakech e lo stagno d'acqua circolare da cui emergeva un gigantesco anello di luce: lo spettacolo ha preso il via mentre il sole tramontava tra le nuvole scure e si è concluso con raffiche di vento che hanno attraversato il cielo notturno.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da SAINT LAURENT (@ysl)



Per chi non ne fosse a conoscenza, Marrakech presenta un forte legame con il brand francese: Yves Saint Laurent giunse per la prima volta nell'antica città marocchina con il suo socio Pierre Bergé nel 1966, e divenne per tutta la vita un rifugio dove si recava per fuggire da Parigi. Qui disegnava a mano le sue collezioni, frequentava la sua cerchia di conoscenze e coltivava con amore la sua collezione di arte e mobili africani e mediorientali. Essendo cresciuto nella vicina Algeria, il Marocco è diventato una sorta di patria spirituale per il fondatore. Basti pensare che ad oggi esiste anche una strada intitolata a lui nel quartiere antico della città, un intero museo dedicato al suo lavoro, e gli storici Giardini Majorelle, che lui e Pierre hanno preservato, sono una delle attrazioni più visitate della città.

Per questa collezione, la decostruzione della linea che separa il guardaroba maschile da quello femminile si diffonde radicalmente. Il capo più iconico della storia creativa Saint Laurent, lo smoking, viene ancora una volta reinterpretato in variazioni che Vaccarello ha sperimentato anche nella collezione donna Autunno-Inverno 2022 della maison. Sono proprio questi i punti saldi della linea: raffinatezza, riscontrabile nei lunghi cappotti neri che attraversano il deserto, semplicità, osservabile negli abbinamenti di top puliti e senza detailing particolare a pantaloni neri svasati e, in ultimo luogo, tradizione.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...