Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
LIFESTYLE
PUMA disegna la nuova maglia dell'Italia, la più leggera di sempre
2021-10-08 10:04:33
Italia PUMA Ultraweave Nations LeagueItalia PUMA Ultraweave Nations LeagueItalia PUMA Ultraweave Nations LeagueItalia PUMA Ultraweave Nations LeagueItalia PUMA Ultraweave Nations LeagueItalia PUMA Ultraweave Nations League
1 di 6
In occasione della fase finale della Nations League gli Azzurri cambiano look.     

PUMA e la Nazionale italiana di Roberto Mancini hanno infatti da un paio di giorni svelato un nuovo kit casalingo. Alla maglia “Renaissance” che abbiamo visto durante Euro 2020 è stata applicata l'innovativa tecnologia “Ultraweave” che ha consentito al marchio sportswear di disegnare la maglia da gioco più leggera di sempre, pensata per ottimizzare le prestazioni dei giocatori in velocità.

Le divise Ultraweave pesano solo 72 grammi rispetto ai soliti 130. Un peso così leggero è stato reso possibile grazie a uno speciale tessuto in woven con una struttura ripstop bidimensionale che migliora il movimento e riduce il peso grazie a un’elasticità a quattro direzioni e alla riduzione al minimo del numero di cuciture utilizzate su tutta la maglia. Le squadre e gli atleti che le indosseranno saranno i più veloci e i più dinamici di tutti.

Nuova è anche la tecnica di stampa per lo stemma della FIGC e per i loghi di PUMA, più leggeri e traspiranti dei modelli precedenti, grazie alla presenza di soli 2 pannelli invece dei 4-8 convenzionali.

La differenza più evidente tuttavia risiede nel design del colletto, non più in stile polo ma a “V”. Il poliestere riciclato dryCELL si asciuga velocemente e riduce la ritenzione di acqua, consentendo di ottenere performance ottimali sia da asciutto che da bagnato. PUMA sta dunque cercando di infrangere le barriere per assicurare le migliori performance.

Questa ovviamente non sarà la maglia dei Mondiali in Qatar del 2022: la Nazionale indosserà la speciale divisa solo durante le partite di ottobre, e stessa cosa faranno le atlete della Nazionale femminile.













CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...