Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
LIFESTYLE
La prima città su Marte si chiamerà Nüwa e verrà costruita a partire dal 2054
2021-04-03 14:22:27
Nuwa Marte
Nelle ultime settimane sono stati definiti importanti progetti per quanto riguarda la prima città extraterrestre costruita dall'uomo: non stiamo parlando di fantascienza o del nuovo film di Ridley Scott, ma più precisamente di Nüwa, una città sostenibile su Marte che potrebbe contenere da 250.000 fino a 1 milione di persone in sistemi di grotte entro la fine dell'attuale secolo.

In primo luogo, è importante definire che Nüwa prende dal nome della dea mitologica cinese che, secondo la leggenda, avrebbe sciolto cinque pietre per donare all'umanità dei robusti pilastri sociali, ospitata all'interno di una parete rocciosa a strapiombo dove i residenti sarebbero stati protetti dalle dannose radiazioni cosmiche e solari.

Per chiunque vorrà decidere di trasferirsi su Marte, il costo biglietto sarà di ben 300.000 dollari e includerà un viaggio di sola andata, un'unità residenziale di 25-35 metri quadrati, pieno accesso alle strutture, servizi di supporto vitale e cibo, e un contratto di lavoro vincolante da dedicare per un numero di ore compreso tra il 60% e l'80% del tempo a disposizione per compiti assegnati dall'amministrazione della città stessa.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da SOLDOUTSERVICE (@soldoutserviceitaly)


Cosa servirà alle persone per vivere in sicurezza su Marte? Lo studio di architettura Abiboo ha stabilito recentemente i più importanti requisiti pianificando vari modi per proteggere i residenti dalle radiazioni. I coloni avranno infatti bisogno di un deus ex machina protettivo affinché le persone possano arrivare fino a Marte senza essere irradiate. Inoltre i residenti dovranno essere in grado di produrre colture alimentari per sostenere la vita sul pianeta.

Secondo i programmi recenti, le persone vivranno in terrazze sulla scogliera e visiteranno solo la superficie più esposta quando necessario. Viaggeranno in treno e autobus fuori dalla scogliera e con enormi sistemi di ascensore all'interno di essa.

Abiboo immagina che la città richieda rifornimenti dalla Terra solo per un tempo limitato prima di diventare completamente autosufficiente

Se tutto procede secondo i piani, i lavori di costruzione della città potrebbero iniziare nel 2054 per riuscire a ospitare i primi terrestri entro il 2100.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...