Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
LIFESTYLE
Nasce la prima nazione virtuale nel Metaverso
2022-03-14 18:34:46
1 di 8
Noto per aver progettato uno dei complessi abitativi più all'avanguardia dell'intera zona di Milano (Torre Generali), lo studio di architettura britannico Zaha Hadid Architects ha creato una città “cyber-urbana” nel Metaverso, dove le persone possono acquistare appezzamenti di terreno con criptovalute ed entrare negli edifici digitali in veste di veri e propri avatar virtuali.

Chiamato Liberland Metaverse, lo spazio virtuale è ispirato alla Repubblica Libera di Liberland, una micronazione rivendicata dal politico ceco Vít Jedlička, che si trova a cavallo della terra contesa tra Croazia e Serbia.

“Sebbene il Liberland Metaverse abbia lo scopo di guidare lo sviluppo di Liberland come micronazione libertaria, funzionerà anche come un regno di realtà virtuale indipendente”, ha spiegato Patrik Schumacher, direttore di Zaha Hadid Architects.

Lo scopo principale è che Liberland diventi il ​​sito di riferimento per il networking e per le future collaborazioni all'interno del fiorente settore del web 3.0, che coincide nello specifico con il Metaverso e con l'ecosistema crypto in generale.

Ma come funziona in linea pratica l'esplorazione all'interno di questa nuova nazione virtuale? Una volta all'interno dello spazio, le persone possono visitare gli edifici progettati da Zaha Hadid Architects, tra cui un municipio, una piazza e un centro espositivo. Lo studio ha progettato tutti gli edifici nel suo stile tipico con forme sinuose e angoli arrotondati, tuttavia, molti degli edifici hanno elementi non supportati dal suolo, pertanto non troveranno mai una reale corrispondenza con edifici urbani che potranno essere costruiti nelle grandi città del mondo fisico.

Il municipio, che è il cuore urbano centrale della città, presenta una passerella a terrazzamenti che avvolge l'edificio. All'interno figurano poi delle panchine disposte a ferro di cavallo, e osservando attentamente si può anche notare la bandiera di Liberland appesa al muro.

Il campus virtuale, circondato dall'acqua, sarà utilizzato come hub di rete per progetti, società ed eventi a tema crypto, in cui gli utenti potranno anche acquistare appezzamenti di terreno e avviare attività commerciali nella città virtuale, ottenendo così anche una partecipazione nel Liberland fisico (ricordiamo che la Repubblica di Liberland è al momento uno stato non ufficiale che non è riconosciuto da organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite).
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...