Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
LIFESTYLE
LVMH non ha alcuna fretta di entrare nel Metaverso
2022-01-29 19:02:39
Bernard Arnault
Nelle ultime ore uno dei gruppi più affermati del settore luxury ha rilasciato delle importantissime dichiarazioni in riferimento al fenomeno del momento: il Metaverso.

“Non siamo interessati a vendere sneakers virtuali per 10 euro", ha detto Bernard Arnault, presidente del colosso francese del lusso LVMH, in una conferenza sui risultati della società relativi all’anno 2021. Arnault ha anche usato la bolla di Internet come paragone per lanciare un avvertimento nel diffidare dal Metaverso, affermando: "A quel tempo, ogni genere di idea è spuntato improvvisamente da tutte le direzioni e poi si è infranta rapidamente. C'erano diverse aziende come Facebook, ma solo una è sopravvissuta". Ha aggiunto: “Dobbiamo stare attenti alle bolle”.

Una delle parole più ricercate del 2021 sul web è proprio “Metaverse", termine generico per indicare una serie di interfacce online immersive in fase di sviluppo, spesso con criptovalute e blockchain alla base di esse.

Arnault ha anche ammesso di monitorare gli sviluppi in questo settore e di essere interessato alle potenziali applicazioni degli NFT. “Potrebbero esserci applicazioni correlate in quest'area, ma dobbiamo vedere quali universi sono davvero redditizi”, ha affermato. “Sarà interessante capire come riusciranno a generare valore”. Gli NFT stanno generando profitti e credo che se si svilupperanno bene, avranno un impatto positivo”.

Il gruppo LVMH, che controlla i migliori marchi del lusso come Louis Vuitton, Dior e Tiffany & Co., non sembrerebbe avere dunque alcuna fretta di vendere articoli fashion su piattaforme virtuali. Ma come potranno osservare gli utenti più informati sull’argomento, l’atteggiamento di Arnault è in netto contrasto con molte delle sue controparti di lusso: Gucci e Balenciaga, di proprietà di Kering, hanno sperimentato più volte il Metaverso, vendendo sneakers virtuali sull'app Wanna, piuttosto che in giochi come Roblox e The Sims. 
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...