Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
STYLE
Le maison del Gruppo Kering non utilizzeranno più pellicce animali a partire dal 2022
2021-09-24 17:51:50
Francois Henri Pinault di Kering
Nel 2021, il mondo della moda non può prescindere da una profonda riflessione verso le molteplici tematiche legate alla sostenibilità, con un obiettivo sempre più centrale volto al raggiungimento di un equilibrio tra la concezione del lusso e gli standard ambientali e sociali.

A distanza di quattro anni dal percorso intrapreso da Gucci, che ha promesso di non utilizzare più pellicce animali nella realizzazione dei suoi prodotti, oggi François-Henri Pinault, Presidente e CEO del Gruppo Kering, colosso mondiale del lusso che sostiene e promuove lo sviluppo di alcuni tra i più celebri marchi di moda, decide di compiere un ulteriore passo in avanti, eliminando l’utilizzo delle pellicce in tutte le collezioni delle maison del gruppo a partire dall’Autunno 2022.
Pertanto, dopo Gucci è il turno di Balenciaga, Bottega Veneta, Alexander McQueen, Brioni e Saint Laurent, case di moda che nel tempo hanno elaborato questa prospettiva, collocando Kering come leader nella divulgazione di un’ideale di sostenibilità per il settore moda.

Relativamente alla decisione adottata, Pinault ha espresso il suo punto di vista su come il mondo sia profondamente cambiato, e insieme a quest’ultimo i clienti, dunque il settore del lusso deve adeguarsi al cambiamento in maniera naturale. Sebbene la pelliccia abbia storicamente incarnato ideali di lusso e opulenza, il CEO di Kering spiega come alcuni materiali non trovino più spazio nel mercato, sostenendo che tale scelta possa favorire una maggiore innovazione verso pratiche commerciali sostenibili legate all’impatto ambientale, con un’accoglienza significativa da parte dei consumatori più attenti e consapevoli.

Nel tempo, l’industria della moda ha visto crescere il numero delle maison fedeli a questa mentalità e il Gruppo Kering non è il primo a muoversi in questo senso; precedentemente, grandi marchi del lusso tra i quali Burberry, Chanel, Prada e Versace hanno optato per l’eliminazione delle pellicce animali. Alla base vi è il desiderio di un cambiamento sostanziale nel settore del lusso, che deve concretamente partire dalle aziende di moda e diffondersi con consapevolezza nelle menti dei consumatori.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...