Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
STYLE
La polemica nata attorno ai nuovi accessori di Bottega Veneta
2021-03-18 15:28:14
La scomparsa dai social avvenuta all’inizio di quest’anno non segna di certo la fine per Bottega Veneta, ma al contrario sembrerebbe essere un’ottima strategia di marketing per far parlare di sè. Infatti, se negli ultimi anni siamo sempre stati abituati a pensare che il valore e la notorietà di un brand al giorno d’oggi si possano misurare semplicemente attraverso un numero elevato di followers, per la maison di lusso italiana i numeri restano soltanto numeri, e a testimonianza di ciò, in questi primi mesi di assenza ad aumentare è proprio stata la richiesta dei prodotti dell'azienda.
 
L’arrivo del nuovo direttore creativo Daniel Lee ha senza dubbio rivoluzionato la filosofia del marchio, portandolo in pochissimo tempo sul podio dei brand più desiderati al mondo. Tutto a gonfie vele, fino a che non iniziano ad arrivare le prime polemiche riguardo al prezzo troppo elevato dei prodotti. Non è di certo una novità che il pubblico di riferimento delle più rinomate maison sia una clientela agiata e con una discreta disponibilità economica, ma arriva un momento in cui quasi nessuno sarebbe disposto a pagare un prodotto molto più del dovuto, soprattutto se i materiali e la composizione non sono all’altezza di tale richiesta.
 
Al centro della polemica questa volta troviamo infatti gli accessori firmati Bottega Veneta, in particolare una collana realizzata in argento sterling rivestito di smalto, venduta a un prezzo di 1.500€. L’aspetto è molto simile al cavo di un’antica cornetta del telefono, e per certi versi non suggerisce niente di nuovo.

Tuttavia non è la prima volta che oggetti simili generano scalpore tra tutti gli appassionati del genere, basti ricordare l’aquilone di Louis Vuitton, i pesi da 800 dollari di Versace, la canna da pesca di Chanel o il galleggiante da piscina di Saint Laurent, che suscitarono da subito stupore, ma allo stesso tempo molte indecisioni riguardo ai prezzi e l’utilità effettiva di ognuno di essi.
 
Il marchio guidato da Daniel Lee è stato definito da alcuni “il nuovo Vetements” in cui a generare tendenza sono le cose decisamente fuori ogni logica ma che in qualche modo continuano a catturare l’attenzione e affascinare un’ampia fascia di compratori.

Nonostante le polemiche delle ultime ore, chiunque volesse dare un’occhiata più dettagliata alla collana sopracitata, essa è disponibile all’acquisto sul sito web ufficiale di Bottega Veneta.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...