Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
LIFESTYLE
La maggior parte delle Ferrari sarà elettrica entro il 2026
2022-06-17 15:53:39
Ferrari 296 GBT
Nonostante le controversie che ultimamente stanno colpendo la scuderia di Formula 1 della casa automobilistica Ferrari, l'azienda sembra avere grandissimi progetti per il proprio comparto commerciale: il marchio di Maranello lancerà 15 nuove vetture tra il 2023 e il 2026, tra cui il suo primo veicolo elettrico puro, un nuovo modello “Supercar” di alta gamma e diversi altre vetture.

I dettagli dei prossimi lanci della casa automobilistica sono stati annunciati nelle scorse ore nell'ambito della presentazione agli investitori del Capital Markets Day, durante la quale i dirigenti hanno parlato della transizione verso l'elettrificazione: entro il 2026, il 40% delle vetture del marchio sarà a combustione pura e il 60% sarà elettrificato, in modo puro o ibrido, secondo quanto dichiarato.

È possibile che i motori a combustione pura continuino a trovare spazio nei modelli della serie Icona a tiratura limitata, come la SP3 Daytona recentemente svelata, che insieme al prossimo modello “Supercar” rappresenteranno meno del 5% della produzione totale dell'azienda entro il 2026.

Nonostante gli importanti annunci per quanto riguarda l'elettrico, l'azienda ha confermato anche che il tanto atteso SUV Purosangue arriverà a settembre, inizialmente in versione V12 non elettrificata.

Per quanto riguarda la prima vettura puramente elettrica della Ferrari, precedentemente confermata per il lancio nel 2025, questa sfrutterà “forti punti in comune con il motore a combustione interna”, tra i quali la tecnologia dei propulsori, la meccanica e il software dinamico derivati dalle corse.

Le batterie saranno assemblate da Ferrari a Maranello, in un nuovo stabilimento “e-building” dedicato alla progettazione e alla costruzione di componenti per la trasmissione elettrica, e saranno integrate nel telaio delle auto elettriche in un'ottica di contenimento del peso e di miglioramento della rigidità.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...