Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
STYLE
Kering, LVMH e altri colossi del lusso stanno chiudendo i loro negozi in Russia
2022-03-05 20:17:57
gucci store
Un serie in rapida crescita di marchi appartenenti all'emisfero del lusso sta mettendo fine alle vendite dei propri prodotti in territorio russo, come diretta risposta alle azioni belliche contro l'Ucraina che si protraggono ormai da oltre una settimana.

Tra le numerose aziende in cima al totem del mondo luxury troviamo Burberry, Hermès, Chanel, Richemont, LVMH e Kering che hanno rivelato l'intenzione di chiudere temporaneamente i canali di vendita fisici e online, fornendo motivazioni legate alla “situazione attuale”, e garantendo il loro supporto agli addetti ai lavori degli store russi, senza entrare nei dettagli per evitare potenzialmente di corrodere eccessivamente i rapporti con la clientela.

Un portavoce di LVMH ha dichiarato venerdì pomeriggio che “date le circostanze attuali nella nazione”, il gruppo cesserà “temporaneamente” le operazioni di vendita nei negozi in Russia, dichiarando supporto “ai 3.500 dipendenti in Russia e alle loro famiglie” e confermando che continuerà a compensare i dipendenti con “stipendio e benefici lavorativi durante questo periodo di interruzione dei rapporti commerciali”. Al tempo stesso, anche il gruppo francese Kering, che possiede Gucci, Balenciaga, Saint Laurent e Bottega Veneta, tra gli altri marchi, ha affermato allo stesso modo che “a causa delle crescenti preoccupazioni riguardo alla situazione attuale in Europa”, sta "chiudendo temporaneamente il suo negozi in Russia”.

Le attuali chiusure arrivano nel bel mezzo di significative interruzioni logistiche/di approvvigionamento e altri effetti delle sanzioni ai danni della Russia, che non bloccano direttamente l'importazione di beni di lusso ma che, tuttavia, rendono difficile l'operatività dei marchi. I giganti delle spedizioni, come UPS e FedEx, hanno annunciato che avrebbero interrotto i loro servizi da e verso Russia e Ucraina, mentre DHL ha rivelato che i suoi "servizi in entrata verso Russia e Bielorussia sono stati sospesi".
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...