Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
STYLE
Il mantello dell'invisibilità potrebbe presto diventare realtà
2022-01-06 16:46:29
Harry Potter Mantello Invisibile
Non si tratta di uno spot pubblicitario fantascientifico e nemmeno della rivisitazione di uno degli oggetti più iconici della saga di Harry Potter, bensì di una delle scoperte che potrebbe rivoluzionare per sempre il mondo dell'abbigliamento e non solo.

Direttamente dalla Cina, arriva infatti la notizia di un gruppo di ricercatori della Xiamen University, i quali hanno di recente pubblicato sulla rivista scientifica “Nanophotonics” un nuovo studio riguardo la possibilità di sfruttare un innovativo metodo per semplificare la produzione dei “nuovi tessuti ottici”.

In parole povere, gli scienziati hanno trovato un'alternativa che renderebbe più facile creare tessuti in grado di riflettere la luce e rendere invisibile la superficie sui quali sono posati, sia essa un oggetto o una persona. L'utilizzo di complicati e costosi meta-materiali, ovvero materiali creati ad hoc per acquisire proprietà non presenti in natura, potrebbe dunque essere presto messo in atto impiegando un composto chimico chiamato Triossido di Molibdeno (α-MoO3). 

Esso sarebbe in grado di deviare i raggi luminosi per poi farli “ricomporre” dietro all'oggetto coperto, in modo da osservare lo sfondo senza percepire quello che si trova tra l'osservatore e il background, in quanto la luce, per sua proprietà, può seguire lo stesso percorso pur curvando attorno a un ostacolo che si trova sul suo percorso.
L'autore dello studio, Huanyang Chen, ha inoltre dichiarato: "Stiamo attualmente eseguendo esperimenti usando [rolling up] l'α-MoO3, e speriamo che i risultati concreti siano osservabili il prima possibile".

Una nuova rivoluzione potrebbe dunque prossimamente bussare alle porte della fashion industry, ma teniamo comunque in considerazione che una scoperta del genere non avrebbe solamente riscontri in questo ambito, ma si presterebbe a numerose applicazioni anche in ambito civile o militare.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...