Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
STYLE
I “Birkinstock” sono i nuovi sandali ricavati dalle Birkin di Hermès
2021-02-09 18:16:14
Le borse Birkin di Hermès hanno mantenuto negli anni con una certa costanza il loro valore esclusivo, tanto da essere descritte come “un investimento migliore dell’oro”. Tutti gli appassionati sapranno che il valore di ognuna di esse si aggira tra i 40.000$ e i 500.000$, attirando una clientela disposta non solo a pagare cifre esorbitanti, ma anche ad aspettare le tempistiche di una lista d’attesa lunga anni. 
 
Ma cosa succede quando un prodotto di lusso di questo tipo viene scomposto, tagliato e rimodellato per creare un altro accessorio mai visto prima? Ebbene, se alcuni hanno già mostrato indignazione e rifiuto verso questo genere di trattamento nei confronti della famosissima borsa, altri come Future, Kehlani e diversi collezionisti d’arte miliardari hanno apprezzato la decisione senza rifletterci troppo. Vi starete chiedendo dunque quale oggetto meriti di ricevere un’attenzione e una lavorazione innovativa come questa, e siamo lieti di comunicarvi che i protagonisti di questa iniziativa sono gli iconici sandali Birkenstock
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da MSCHF (@mschf)


 
Il collettivo creativo MSCHF per l’occasione ha cambiato il nome dei sandali in “Birkinstock” e, come si può notare nel video del processo di produzione sul sito web del marchio, sono stati lavorati rigorosamente a mano smontando, appiattendo e tagliando ogni singola parte di una Birkin. Non è la prima volta che MSCHF lascia parlare di sè, in quanto proprio nel 2019, si è fatto conoscere al grande pubblico attraverso la realizzazione delle Air Max ’97, meglio conosciute come le “Jesus Shoes”, in cui l’intersuola venne riempita di acqua santa direttamente prelevata dal fiume Giordano e poi benedetta. Ma questa volta sembrerebbe che il marchio abbia superato davvero ogni limite, ridefinendo il concetto di lusso e conferendogli una nuova forma.
 
  
Le silhouette presentano la fibbia personalizzata in oro vermeil e gli elementi classici Birkenstock, con tanto di plantare in sughero e fodera in pelle scamosciata. I pezzi sono stati resi disponibili all’acquisto solo su richiesta dall’8 febbraio in diverse varianti cromatiche tra cui poter scegliere. Il modello rosso e bianco è stato ricavato dalla Hermès Porosus Birkin 35 mentre le due varianti in nero derivano rispettivamente dalla Clemence Birkin 35 e dalla Ostrich Birkin 35. Il prezzo di ogni sandalo oscilla tra i 34.000$ e i 76.000$, ed è doveroso specificare che nessuno dei due marchi ha autorizzato la speciale collaborazione: la MSCHF ha semplicemente acquistato i modelli degli accessori per creare “Birkinstock” del tutto fuori dagli schemi. 
 
Insomma, il risultato può dividere l’opinione pubblica ma l’innovazione e lo straordinario processo di lavorazione hanno generato un prodotto unico nel suo genere. Le scarpe più ricercate del 2020 hanno raggiunto un livello successivo, divenendo grazie a questa iniziativa un vero e proprio oggetto da collezione.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...