Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
STYLE
Gucci si riconferma il motore del gruppo Kering
2021-07-29 16:18:49
Gucci Harry Styles
Spesso si parla del «sogno della moda» per fare riferimento alle dinamiche del desiderio che alimentano il fashion system contemporaneo. L’imperativo categorico? Vendere, non è mai stato un mistero. E se la moda, tra ambizione e realtà, rimane lo specchio più sincero della società, i risultati complessivi del primo semestre 2021 di Gucci, brand di punta del gruppo Kering, sono la prova che tornare ai livelli di vendita pre-pandemia è possibile. 
 
La maison fiorentina guidata da Marco Bizzarri si riconferma il fiore all’occhiello della holding del lusso francese già in possesso di marchi come Saint Laurent e Bottega Veneta. A decretarne il successo, l’aumento dei ricavi del 50,3% su base comparabile rispetto allo stesso periodo del 2020. Nell’anno del centenario dalla nascita, Gucci è in testa a tutte le classifiche dei brand più ricercati del 2021 – Lyst Index Q1 e Q2: tra le ragioni dell’inarrestabile aumento di awareness e desiderabilità del marchio, lo scambio creativo con Balenciaga, altro marchio motore del gruppo Kering, e l’hype per il film “House of Gucci”
 
Per un valore pari a 4,4 miliardi di euro, si apre il sipario sui primi risultati della nuova strategia di distribuzione di Gucci che da qualche anno preferisce chiamare le boutique a gestione diretta con il loro nome: il 91% del fatturato totale. Impossibile trascurare la principale strategia del cambio di rotta relativo al retail del marchio: i ricavi del canale wholesale sono diminuiti del 9,6% su base annua e del 40,8% rispetto al 2019, mentre l’utile operativo semestrale si è attestato a 1,69 miliardi di euro e il corrispettivo margine ha raggiunto quota 37,8%.
 
Come ha precisato il gruppo:
 
Le vendite nella rete di boutique proprie, che rappresentano il 91% del giro d'affari della maison, sono salite del 59% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e del 6,3% sui livelli del 2019. 

Una performance complessiva, quella di Kering, di altissimo livello: anche Saint Laurent, con un aumento dei ricavi del 58,2%, e Bottega Veneta, con una crescita degli stessi pari al 45%, raggiungono ottimi risultati e contribuiscono notevolmente alla crescita della società di François-Henri Pinault. Il presidente e CEO del conglomerato, ha commentato: 
 
Kering ha registrato ottime prestazioni nel primo semestre e ha ripreso la sua traiettoria di crescita forte e redditizia. Tutte le nostre Maison hanno contribuito a un forte rimbalzo del fatturato totale, che ha ampiamente superato il livello del 2019, con una notevole accelerazione nel secondo trimestre. Pur tornando a una sostanziale redditività e sfruttando l'opportunità dei nostri marchi, stiamo accelerando il ritmo dei nostri investimenti nelle nostre Maison e iniziative strategiche, in particolare per migliorare l'esclusività e il controllo della nostra distribuzione.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...