Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
STYLE
Givechy svela la pre-collezione Fall 2021 ispirata al mondo d'oggi
2020-12-16 18:16:22
Givenchy Pre-Collezione Fall 2021GIVENCHY-PRE-COLLEZIONE-FALL-2021GIVENCHY-PRE-COLLEZIONE-FALL-2021GIVENCHY-PRE-COLLEZIONE-FALL-2021GIVENCHY-PRE-COLLEZIONE-FALL-2021GIVENCHY-PRE-COLLEZIONE-FALL-2021GIVENCHY-PRE-COLLEZIONE-FALL-2021GIVENCHY-PRE-COLLEZIONE-FALL-2021GIVENCHY-PRE-COLLEZIONE-FALL-2021
1 di 9
Quello che cerco di fare nelle collezioni Givenchy è riflettere il mondo di oggi. Apprezzo una certa sperimentazione sui materiali e un intenso contrasto nell'abbigliamento, che può essere raggiunto ed esistere solo ora. Allo stesso tempo, abbracciamo la tradizione, le tecniche dell’atelier e l’atemporalità: questi elementi distinti non si escludono a vicenda. L'abbigliamento non è usa e getta o dittatoriale, invece vogliamo che diventi centrale per la persona e per il proprio stile di stagione in stagione. È un'idea di un lusso più personale, di formalità e informalità simultanee, costruzione e comfort. È il lusso di persone che indossano vestiti, non vestiti che indossano persone.

A parlare è Matthew M. Williams, direttore creativo di Givenchy, in occasione del lancio della pre-collezione Fall 2021.

Affinando gli elementi iniziati con la sua collezione di debutto, il creativo presenta un insieme di contrasti, sia stridenti che sottili. Sia il classicismo che la sovversione hanno il proprio ruolo nella collezione, concentrandosi sugli aspetti tradizionali della sartoria, della maglieria e della pelle, e sperimentando con i codici e le tecniche ad essi legati. Lavorando con una tavolozza precisa e monocromatica nei look, il classicismo del nero, bianco e grigio argento si contrappone al grigio oliva, al rosso vivo e al rosa, diventando quasi provocatorio nelle loro connotazioni.

Gli archetipi dell'abbigliamento vengono ancora una volta sperimentati accanto alla proporzione nelle silhouette, riunendo idee dell’atelier e del mondo urbano. Questo è particolarmente visibile nel ricorrente motivo «cropped», dove le giacche fanno eco ai bomber MA1. Il jersey iconico e scultoreo viene nuovamente applicato per realizzare forme pure ma disinvolte, a tratti punteggiato da borchie. Decorazioni realizzate con l'hardware trovano in questa stagione principalmente forma nella borchia. 

L'idea di una «seconda pelle» è ampiamente utilizzata, prevalentemente attraverso l'uso della seta: strutturata e confortevole, una sinuosa sensualità percorre la collezione, in particolare nella sartoria. Questo si ritrova anche nei capi in pelle, dove lo stile non conforme e casual, duttilità e struttura entrano in gioco. Il comfort non è dimenticato nelle calzature, con suole formulate utilizzando nuove tecniche di TPU (Poliuretano Termoplastico, ibrido tra gomma e plastica). 

Collaborando ancora una volta sulle immagini con la fotografa Heji Shin, Williams presenta una visione democratica e globale di Givenchy. L'attenzione è sulle persone che indossano gli abiti piuttosto che sugli abiti che indossano le persone: non c'è solo un uomo Givenchy, ma molti. Ognuno porta il proprio carattere inimitabile e il proprio senso dello stile alla maison.




CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...