Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
STYLE
Giorgio Armani sfila senza musica per solidarietà verso la popolazione Ucraina
2022-02-27 20:53:04
Giorgio Armani
Giorgio Armani nelle ultime ore ha adottato un'iniziativa volta a mostrare supporto nei confronti della popolazione Ucraina, da qualche giorno vittima di attacchi bellici da parte dell'esercito Russo: il designer italiano avrebbe infatti deciso di spegnere la musica nel corso della sua ultima sfilata alla Milano Fashion Week per rispetto delle persone coinvolte nel conflitto ucraino.

«Mi sono chiesto qualche ora prima cosa potessi fare. Ma non era una questione di soldi o vestiti, volevo segnalare subito il mio battito di cuore per questi bambini. Sono proprio uno stupido ma non riesco a restare indifferente. La cosa migliore era dare il segnale che non vogliamo festeggiare. Cosi ho detto non voglio musica. Anche i ragazzi e le ragazze si sono emozionati». ha dichiarato Giorgio Armani con riferimento alla scelta.

Le modelle si sono pertanto esibite lungo la passerella in un silenzio toccante, interrotto dagli applausi del pubblico, indossando giacche corte in tonalità pastello e abiti neri, blu e argentati dotati di scintillanti paillettes.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da SOLDOUTSERVICE (@soldoutserviceitaly)



“La mia decisione di non usare musica è stata presa in segno di rispetto verso le persone coinvolte nella tragedia in corso in Ucraina”, si legge poi in un post pubblicato sull'account Twitter dello stilista. “La cosa migliore da fare è inviare il messaggio che non vogliamo celebrare, perché qualcosa di molto preoccupante sta accadendo intorno a noi”, ha dichiarato in seguito il designer al termine dello spettacolo.

I modelli di Armani hanno calato il sipario sulla settimana della moda di Milano per le collezioni autunno/inverno 2022/23, che ha ospitato principalmente sfilate in presenza: grande cambiamento rispetto alle numerose presentazioni digitali che avevano iniziato a diffondersi su larga scala dall'esplosione della pandemia.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...