Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
LIFESTYLE
Dom Pérignon e Bvlgari realizzano una bottiglia di Rosé Vintage 2004 in edizione limitata
2021-02-23 14:42:51
Dom Pu00e9rignon x Bvlgari
L’eleganza e la raffinatezza hanno da sempre rappresentato due prerogative fondamentali per ogni marchio luxury che si rispetti. L’idea di possedere un prodotto esclusivo e curato nei minimi dettagli suscita infatti nel compratore una maggiore sensazione di appagamento, associando così i brand ad uno status sicuramente più elevato rispetto alla concorrenza.
Tutte queste caratteristiche rappresentano dunque il massimo comune divisore per ogni azienda di lusso, e creano una sottile correlazione anche tra brand che operano in settori completamente diversi.

Questo è il caso per esempio di Bvlgari e Dom Pérignon, due assoluti leader nel proprio campo, e in questo caso strettamente legati da una particolarissima collaborazione che ha permesso di fondere le due ideologie.
Entrambi i marchi fanno infatti parte del gruppo LVMH, il che avrà di certo avuto un peso importante affinché una partnership di questo tipo potesse concretizzarsi.

Dom Pérignon x Bvlgari
Il risultato è ovviamente magnifico nella misura in cui entrambe le aziende siano riuscite a fornire il proprio apporto senza snaturarsi in alcun modo oppure realizzare un mix male assortito.

Stiamo parlando infatti di un progetto ideato in tiratura limitatissima e composto da una bottiglia di Dom Pérignon Rosé Vintage 2004 avvolta da una meravigliosa collana “Bvlgari Serpenti” realizzata su misura. L’idea di ricercatezza viene poi amplificata dall’involucro che ricopre la bottiglia, in piena sintonia con le tonalità e la texture del gioiello firmato Bvlgari: il rivestimento ricorda infatti la pelle squamata di un serpente, e viene poi impreziosito dall’iconica etichetta di Dom Pérignon in oro rosa.

Le magnum saranno poi inserite in un pregiatissimo scrigno, che sarà prodotto in soli quattro esemplari al mondo e disponibile su richiesta nelle città di Milano, Parigi, Londra e Tokyo.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...