Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
Danilo Paura
DANILO PAURA
Danilo Paura si racconta a SOLDOUTSERVICE
2019-09-08 12:30:04
Danilo Paura è uno dei designer italiani più interessanti del momento.
Direttore creativo di Paura e Danilo Paura, il quarantenne, originario di un piccolo paese della provincia di Cosenza, è riuscito a trasformare il made in Italy e la continua ricerca dell'armonia e della perfezione estetica in veri e propri punti di forza per lo sviluppo dei propri brand.
La partnership stretta con Kappa ha spinto fortemente il suo operato artistico, riuscendo a diffonderlo anche tra i più giovani. A Febbraio 2020, il designer presenterà inoltre un nuovo capitolo della sua collaborazione con Diadora, tramite l'uscita di una capsule collection.




Abbiamo avuto il piacere di porre qualche domanda e scambiare quattro chiacchiere con Danilo Paura, che ci ha raccontato il suo percorso e la sua esperienza nel mondo della moda.


-Ciao Danilo, presentati e raccontaci un po' di te.

Ciao ragazzi, mi chiamo Danilo Paura e sono nato in un piccolo paese della provincia di Cosenza. Ho 40 anni e attualmente vivo in Romagna; amo la cordialità e l'approccio della gente di questo posto. Penso non esista luogo migliore per svolgere il mio lavoro senza scendere a troppi compromessi; è fondamentale rispettare se stessi e tener conto della qualità della propria vita.
Ho studiato costume e moda ma la mia vera palestra è stata proprio Riccione, tra pubbliche relazioni, club e retail.


-Quando, dove e come è nata la tua passione per la moda e per l'universo dello streetwear?

Non ricordo una mia scelta per cui io non abbia tenuto in considerazione il lato estetico. Tra una cosa bella ed una funzionale tendo sempre a scegliere quella che più si avvicina a me come gusto. Qualsiasi cosa io faccia, tendo a farla rispettando i miei canoni di bellezza, armonia ed estetica.
Questo non ha nulla a che vedere con la superficialità, ma credo che come ogni creativo io tenda a dare importanza a dettagli e a forme sapendone apprezzare le differenze. La mia passione per le sneakers, accessorio per antonomasia per gli amanti dello streetwear, si sviliuppa poichè la scarpa rappresenta fortemente la personalità di chi le indossa; le scarpe parlano e difficilmente mentono . Mi sono avvicinato allo streetwear sicuramente grazie a questa passione .
Il resto è venuto in maniera totalmente naturale .



-Quando e come è nato il brand Paura?

Paura quest'anno compie 10 anni .
3 anni fa è nata una collezione più esclusiva che porta il mio nome, Danilo Paura, sviluppata un pò per esigenza personale. Un laboratorio per mettermi in discussione, per alzare quell'asticella che ti porta a migliorare.
Vivo di creazione del prodotto, amo stare nei laboratori e adoro vedere le mie idee prendere forma. Sarei un pazzo a non sfruttare a pieno questa opportunità. Sono fiero di portare avanti il Made in Italy.







-A chi o cosa ti ispiri quando crei i tuoi capi?
Tutto può essere fonte d'ispirazione: leggere un libro, guardare un film, così come ricordarsi un sogno, tutto ma proprio tutto può essere ispirazione . Vivo della mia creatività! Il segreto è tenere il cervello sempre vivo . Osservare, osservare e ancora osservare!

-Un messaggio a tutti i ragazzi che sognano di intraprendere questa strada
La mia esperienza mi ha insegnato che determinazione, forza di volontà, tenacia e consapevolezza sono la base per affrontare qualsiasi sfida . Do a chiunque questo consiglio, prima di qualsiasi cosa è fondamentale imparare a conoscere se stessi, capire cosa ci viene semplice fare, quali le proprie attitudini e poi lasciarsi andare .
Appassionarsi è la chiave, fare un lavoro che coincide con la propria passione è il modo migliore per affrontare la propria vita. Io non potrei vivere separando la vita lavorativa dal resto.




-Come vedi Danilo Paura tra 10 anni? Progetti per il futuro?

Con tanti capelli bianchi in più ma con la stessa forza di volontà, voglia di progettare e di creare . Vivo la mia vita, siamo quello che facciamo. Cambierà il modo, forse cambieranno le aspettative, ma non cambierà mai la motivazione che mi spinge a fare questo.
Tanti progetti stanno prendendo forma, ma non amo pensare troppo al futuro.


Ringraziamo Danilo per la sua disponibilità e per la sua spontaneità. Speriamo che il suo percorso possa essere d'esempio per chiunque stia inseguendo un sogno nel mondo della moda.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...