Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
LIFESTYLE
Il triste caso di Cyberpunk 2077: negli States il gioco viene già venduto a metà prezzo
2021-01-19 15:27:04
Cyberpunk 2077
Ci sono davvero pochi dubbi che, almeno fino al giorno prima della sua release ufficiale, Cyberpunk 2077 fosse uno dei videogame più attesi dell’ultimo anno, in particolar modo per tutte le aspettative che la casa sviluppatrice aveva contribuito a creare nei mesi precedenti.
Sappiamo infatti che il gioco è stato annunciato per la prima volta nel 2012, e che da quel momento in poi i players in giro per il mondo avevano atteso con pazienza quello che a tutti gli effetti sembrava un titolo più che promettente e dall’ambientazione originale.

Purtroppo, come un po’ tutti saprete, le cose non sono andate esattamente secondo i piani. Già qualche ora dopo l’uscita del titolo, CD Projekt Red è stata infatti letteralmente investita da un mare di reclami da parte di utenti non soddisfatti del prodotto finito. Parliamo di glitch e bug molto frequenti nelle dinamiche di gioco, improvvisi cali di frame e una qualità grafica davvero pessima: in particolare, questi problemi sono stati denunciati dai PS4 players, che si sono sentiti doppiamente presi in giro dal team sviluppatore del videogame. Non solo non hanno infatti potuto usufruire a pieno dell’esperienza di gioco che si sarebbero aspettati, ma la beffa si è rivelata quando hanno compreso che la versione per PC e quella per PS5, pur presentando quasi i medesimi errori, non manifestavano questi ultimi con la stessa frequenza.

Parlando di Cyberpunk 2077 al giorno d’oggi, viene spontaneo dunque definirlo un progetto molto ambizioso e promettente, forse anche un po’ troppo. CD Projekt Red non si è dimostrata infatti pienamente in grado di portare a termine tutti gli obiettivi prefissati e soddisfare le aspettative del pubblico: sarebbe stato meglio forse ridimensionare alcune idee e rilasciare un gioco più fluido, o altrimenti posticiparne ulteriormente la data d’uscita.


Ebbene, dopo aver pubblicamente chiesto scusa a tutti coloro che avevano acquistato il titolo attraverso una nota ufficiale, il team sviluppatore del titolo ha annunciato di essersi rimesso al lavoro con tenacia, impegnandosi a risolvere tutti i problemi presentati dal videogame nel minor tempo possibile. Intanto, completamente a sorpresa, negli Stati Uniti il prezzo del videogioco è stato dimezzato a 30 dollari, mentre in Europa Sony ha rimosso il titolo dal PlayStation Store fino a nuovo ordine in attesa che tutti gli utenti ricevano il rimborso richiesto alla casa produttrice.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...