Takashi Murakami
STYLE

Le collaborazioni più importanti di Takashi Murakami

di Simone Dal Passo Carabelli
2020-05-29 22:13:38
Recentemente abbiamo avuto l'occasione di notare come l'influenza artistica di numerosi creativi professionisti a livello internazionale possa arrivare a sfondare i tradizionali canoni immergendosi completamente ed invasivamente all'interno di emisferi di affine competenza, come ad esempio quello musicale e stilistico, facendone scaturire risultati d'eccezione che finiscono in gran parte dei casi per diventare veri e propri oggetti di culto.

L'esempio più lampante delle ultime settimane può andare a coincidere proprio con la collaborazione tra Takashi Murakami e Billie Eilish mediata dalla casa giapponese UNIQLO, che ha visto protagonista una perfetta fusione di musica ed arte figurativa per una resa finale in grado di spopolare tra il pubblico dei più appassionati e non.

Nonostante a livello macro-commerciale l'influenza dell'artista giapponese sia emersa in misura impattante soltanto negli ultimi tempi, Takashi Murakami ha avuto modo di lavorare ad un numero davvero incredibile di collaborazioni nel corso della propria carriera, di cui 3 selezionate appositamente dal team di SOLDOUTSERVICE per via del proprio spessore e levatura artistica.


1. Takashi Murakami x Louis Vuitton 



L'impronta più identitaria ed elevata dell'intera carriera artistica di Murakami lascia il proprio segno sulle iniziali di uno dei marchi parigini più famosi al mondo: nel 2003 l'artista giapponese si approccia al tradizionalismo stilistico europeo attraverso una fenomenale reinterpretazione dei più iconici pezzi di pelletteria LV sulla base di un pattern cromaticamente travolgente impostato sulle note del rosa, del verde, dell'arancio, del viola e dell'azzurro rigorosamente poggianti su base black/white. Rappresentando una delle scelte più diffuse dagli aficionados alla Maison, gli items delle diverse Murakami x LV collabs sono state viste addosso a celebrità del calibro di Travis Scott, Naomi Campbell, Paris Hilton, Kim Kardashian e molti altri.

Travis Scott Murakami Louis Vuitton

2. Takashi Murakami x Supreme 



Nel corso della stagione 2007 il creativo di origine nipponica è stato chiamato a collaborare con un Supreme New York ancora incredibilmente di nicchia: per l'occasione, le due parti lavorarono alla realizzazione di un set di 3 differenti skate decks decorati a motivo floreale policromo che, effettuando accurate ricerche su piattaforme di mercato secondario, possono essere acquistati al netto di esborsi non inferiori ai 9.000$

Takashi Murakami x Supreme

3. Takashi Murakami x VOGUE x COMME des GARÇONS



Appena due stagioni più tardi Murakami viene chiamato in causa per un'ennesima, importantissima collaborazione in vista di un'occasione davvero speciale. Il creativo si trovò allora a collaborare assieme ai colleghi giapponesi di CDG per la realizzazione della "Magazine Alive" collection esposta al temporaneo Tokyo pop-up store gestito dal magazine europeo. Le limitatissime T-shirts prodotte vennero messe in vendita assieme ad items di altri marchi leggendari come Maison Margiela ed UNDERCOVER ed oggettistica riprendente le sembianze di icone del calibro di Donatella Versace, Hedi Slimane e Marc Jacobs.

Takashi Murakami x VOGUE x COMME des GARÇONS
Ti potrebbe interessare
Il baule da viaggio targato Louis Vuitton e Supreme è stato venduto ad una cifra da capogiro
Vans Sk8 Hi Pro e Slip-On: Scopriamo le nuove sneakers firmate Supreme
Il costo di un outfit ne determina realmente l'efficacia?