Iscriviti alla newsletter
ABOUT US
CONTATTI
STYLE
6 tips per distinguere un Rolex autentico da uno falso
2022-01-16 12:48:50
Rolex
Il settore dell’orologeria di lusso sta vivendo un periodo di grande affermazione a livello globale, raggiungendo una serie di traguardi davvero molto importanti sotto l’aspetto delle vendite proprio negli ultimi mesi. Non è un segreto infatti che di recente in tanti abbiano deciso di avvicinarsi con maggiore interesse a questo universo, anche solo per pura curiosità o desiderio di informazione.

Quale modo migliore per farlo allora se non raccogliendo informazioni sulla maison più prestigiosa e riconosciuta al mondo? Stiamo parlando naturalmente di Rolex, che ormai da anni si trova stabilmente ai vertici del settore e riproduce attraverso i suoi segnatempo gli ideali di lusso ed esclusività.

Ma, per tutti coloro che volessero acquistare il primo Rolex, in che modo poter sfuggire alle truffe e riconoscere un esemplare fasullo da uno originale?

A questo proposito, considerato il numero sempre crescente di utenti che si rivolgono al mercato secondario a causa delle lunghissime liste d'attesa organizzate dai rivenditori autorizzati, abbiamo deciso di proporre una guida semplice ma efficace che in soli 6 punti vi aiuterà a ridurre le possibilità di incorrere in qualsiasi tipo di truffa in caso decideste di comprare il vostro orologio Rolex da un rivenditore privato.

Prima di iniziare, bisogna comunque presentare alcune premesse fondamentali per una buona riuscita dell’autenticazione. In primis, pensiamo alla qualità dei materiali utilizzati (acciaio, oro giallo, oro rosa, platino e Rolesor), un parametro strettamente legato anche al peso effettivo del segnatempo (un modello originale peserà di certo molto di più), e infine bisogna considerare le peculiarità dell’orologio in questione, come per esempio la resistenza all’acqua per un Submariner o un Sea-Dweller.

  

1. Segni distintivi



Rolex

Prima di ispezionare nello specifico l’orologio, fate attenzione anche alla presenza di errori più evidenti o grossolani. Sarà un po’ scontato, ma non aspettatevi che un orologio privo della scritta “Rolex” o dell’iconica coroncina impressa sul quadrante possa anche lontanamente essere originale. Inoltre, ricordate di dare sempre un'occhiata alla corona di carica laterale, che deve risultare sempre scanalata e, nel caso dei modelli più recenti, presentare un piccolo logo inciso a laser.


2. Numero di serie



Rolex Numero di Serie

Questo indicatore è forse uno dei più efficaci a nostra disposizione, perché ci consente di individuare un dettaglio spesso sottovalutato dai contraffattori. Stiamo parlando del numero seriale, che Rolex incide con grande minuzia e precisione nella sezione laterale del case e che corrisponde a quel determinato modello. Spesso invece il serial number degli orologi fake è impresso distrattamente o in maniera poco accurata e non coincide nemmeno con l’esemplare sul quale è stato applicato.

 

 3. Movimento e ticchettio



Rolex Movimento e ticchettio

Dietro ogni segnatempo firmato Rolex c’è un lavoro di ingegneria e precisione artistica senza paragoni: un orologio autentico garantirà sempre massima efficienza e affidabilità, al contrario invece di una replica. Per assicurarsi che il movimento sia originale, è necessario aprire il case e ispezionarlo all’interno: a questo punto, considerando che la maggior parte degli esemplari prodotti dalla maison svizzera sono dotati di movimenti meccanici, qualora individuaste del quarzo (a parte casi davvero eccezionali) potrebbe essere un indicatore di contraffazione. Spesso comunque, a meno che non si tratti di repliche quasi perfette, già a prima vista possiamo accorgerci che le rifiniture e i dettagli di un movimento fasullo non hanno niente a che vedere con la versione originale.
Infine, un altro metodo ingegnoso per individuare una replica può essere per esempio avvicinare l'orologio all'orecchio. Qualora riusciate a percepire in maniera distinta il ticchettio delle lancette dei secondi, con grande probabilità allora starete tenendo in mano un falso: i modelli originali infatti producono un rumore molto fluido e quasi del tutto impercettibile.
 

4. Quadrante



Rolex Quadrante

Un altro aspetto molto importante da considerare è la costituzione del quadrante, indicatore decisivo per una prima analisi sommaria. Anche in questo caso, come è facile intuire, tutti i modelli originali usciti dai laboratori Rolex raggiungono praticamente la perfezione in quanto alla minuzia delle finiture e del lettering: una scritta sbavata o poco chiara, un numero decentrato o una lancetta storta sono tutti segnali di una probabile contraffazione.

 

5. Lente



Rolex Lente

La lente d’ingrandimento si trova sul cristallo protettivo del quadrante in corrispondenza della data nei modelli dotati di datario. Nella norma la lente di un orologio autentico ingrandisce di 2,5 volte la cifra per garantire una lettura più agevolata: un fake non è dotato di questa caratteristica e spesso la lente è anche piatta rispetto al quadrante.

 

6. Fondello



Rolex Fondello

Fatta eccezione per alcuni modelli davvero molto rari e quasi introvabili sul mercato, la quasi totalità degli orologi Rolex non è dotata di un fondello trasparente che lascia intravedere al suo interno il movimento, ma da una semplice copertura liscia realizzata nello stesso materiale della cassa. In linea generale diffidate dunque dagli orologi con incisioni e numeri di serie impressi sul fondello. Inoltre, dal 2007 la maison ha rimosso lo sticker olografico verde collocato proprio in quella posizione.

Per concludere, correndo anche il rischio di apparire banali, vogliamo comunque ricordare agli aspiranti collezionisti che, a monte di tutte queste verifiche e accortezze, deve esserci comunque una solida base di buon senso. Mai comprare da venditori poco affidabili su piattaforme non certificate e soprattutto mai farsi abbagliare da prezzi fuori mercato: spendere 500 euro per un Rolex originale non può essere una cifra ragionevole. Il consiglio che ci sentiamo di darvi è comunque quello di rivolgervi direttamente a un rivenditore autorizzato, armandovi di un bel po’ di pazienza per le liste d’attesa, in modo da godervi in tutta tranquillità l'esperienza di acquisto.
CONDIVIDI
Potrebbe interessarti anche...